Built with Indexhibit

Simone MASSAFRA (Supersano, 1984)
Laureato in progettazione multimediale e specializzato in Visual Cultures e Pratiche Curatoriali all’Accademia di Bella arti di Brera. Vive e lavora a Milano dove insegna progettazione multimediale ed editoriale. Parallelamente porta avanti un lavoro d’indagine sull’immagine e percezione visiva entro i confini dell'opera d'arte.

Statement

Utilizzando vari linguaggi riflette sul potenziale narrativo delle immagini attraverso pratiche processuali e dispositivi che raccolgono insieme libri d'artista, foto, video, testi e poesie, installazioni e performance. Ciò che caratterizza la sua ricerca è l'aspetto mutevole e mai definito dell'opera in relazione agli spazi in cui è inserita e alle relazioni che scaturiscono tra opera e pubblico.

La sua ricerca, iniziata con un'attenta e approfondita disamina sulle immagini artistiche, secondo la visione di George Didi-Huberman, si materializza in una compulsiva raccolta di immagini, apparizioni, composizioni e forme, tracce, scorci, luoghi e figure che inquietano lo sguardo e stimolano esperienze visive e mnemoniche, ma soprattutto visioni ancora aperte e in divenire.

Ha partecipato a varie masterclass e mostre collettive: Inner Landscape e Intuizione – Fondazione Lac o le Mon, S. Cesario (Le); Filing the absence (Open call)– Pinksummer Contemporary Art, Genova; DaVicino, Centrale Fotografia – Fano; Milano & Oltre – Triennale Milano; Ambienti plurali – Museo della storia, Bologna.

Education:
Master - Brera Academy of Fine Arts - Course: Visual Cultures & Curatorial Studies - Milan;
Degree - Academy of Fine Arts of Urbino - Course: Multimedia Design - Urbino;
Higher Diploma: State School of Art - Course: Graphic Design and Photography - Galatina (Le);

Workshop e Master Class. He attended at:
2019: Estetica dell'impercepibile. Curated by Emilio Fantin, Fondazione Lac o Le Mon, San Cesareo (Le);
2018: Inner Landscapes. Curated by Sara Alberani and Larisa Oancea, Fondazione Lac o Le Mon, San Cesario (Le);
2017: Chippendale Studio, Incontri a cura di Luca Panaro;
2015: Progettazione e Self-Publish, Museo Fotografia Contemporanea, with CESURA, Cinisello Balsamo;
2015: Editing fotografico, Istituto Italiano di Fotografia, with Leonello Bertolucci, Milano;
2013: Critique Session, Villa Panza with Diego Tonus e David Bernstein, Varese;
2012: Accademie Eventuali - Fondazione Furla, with Giovanni Anceschi and Luca Trevisani, Bologna;
2012: DEFAULT - Masterclass in Residence: On Art, Cities and Regeneration, Lecce;
2012: Dream of Insomnia - Fondazione Ratti, Como;
2011: Milano e Oltre – Connecting Cultures, with Alberto Garutti;

Solo Exhibitions:
2018:
– Ceiling, Chiesa San Biagio, Triuggio, (MB);
2010:
– Floating Church, Vecchio Palazzo Comunale - Supersano, Lecce;
2009:
– In 2009 he traveled on a cargo ship 40 days between Northern Europe and Middle-East. So he realized FLOATING CHURCH: this reportage point out the tough reality of the seamen.

Group Exhibitions:
2020:
2019:
– INTERVALLO, Manifatture Knos, Lecce;
– Intuizione, Fondazione Lac o Le Mon, San Cesareo (Le);
– CFF19 - Cotonfioc Festival, Ex Ospedale Psichiatrico di Genova, Quarto dei Mille;
– "Filing the absence" with Peter Fend and Yona Friedman, Pinksummer Contemporary Art, Genova;

2018:
– Tears (performance), Fondazione Lac o Le Mon, San Cesario, Lecce;
2017:
– Da Vicino, Centrale Fotografia, Fano;
– Ape(x) Mentis, Bottega Immagine, Milano;
2013:
Milano & Oltre. Una visione in movimento - Triennale, Milano;
2012:
Ambienti plurali, partiture somatiche e frutta di stagione - Museo della Storia - Palazzo Pepoli, Bologna;
The Wall archives #4, Archiviazioni – Lecce;
2011:
– Next Stop Bovisa – Milan;
– Make your space at the Fabbrica del Vapore – Milano;
2007:
– Disabitati non luoghi, Masseria Le Stanzie, Supersano, Lecce;

Events - He cooperated as an curator assistant:
2012:
– Nonostante Marras, Installazione lavori e allestimento mostra, curata da Francesca Alfano Miglietti presso la Fondazione Marras, Milano;

– Fabio Mauri – The end, Installazione lavori e allestimento mostra, curata da Francesca Alfano Miglietti presso Palazzo Reale, Milano;

– In the same year he cooperated as assistant for Marina Abramovic project: The Abramovic Method, PAC, Milano.