Built with Indexhibit

IMAGO PEREGRINATIONE, 2020

Animus late longeque peregrinatur diventerebbe “L’immagine viaggia in lungo e in largo”. Peregrinor è un verbo latino e significa soggiornare all’estero, viaggiare o peregrinare (in generale), vagare o spaziare con il pensiero e con la mente, abitare come straniero e trovarsi lontano da.

Le periferie sono l’habitat ideale in cui stanzia e vive il peregrino, il migrante, il pendolare, lo straniero, l’artista, il diseredato, il lontano da casa e il senza tetto, lo sfrattato e l’esiliato.

Nel corso della residenza, attraverso una serie di processi di indagine e di studio del territorio, mi piacerebbe lavorare su un progetto performativo partendo dalla creazione di una scultura pellegrina che diventi un “dispositivo ottico”, un filtro tra spettatore e territorio, favorendo un’esperienza intima e diretta tra opera d’arte e realtà circostante. [...]

Ispirata alla Peregrinatio Mariae, la scultura favorirà una serie di processi relazionali nelle diverse tappe espositive, quindi, nei brevi soggiorni in luoghi pubblici e privati e negli altri contesti in cui sarà ospitata.
I vari momenti di migrazione dell’opera diventeranno occasione di frequentazione e incontri conviviali, simposi e conferenze aperti ai residenti, istituzioni, artisti e addetti al settore.

Per tutta la durata del progetto verranno raccolti materiali, foto, video ed immagini di archivio di persone e luoghi coinvolti nel processo di fruizione dell’opera al fine di realizzare una pubblicazione editoriale ed una eventuale installazione finale.

__
Work in progress: Panorami contemporanei e luoghi in trasformazione è un progetto del Comune di Milano in partenariato con GAI - Giovani Artisti Italiani e Museo di Fotografia Contemporanea, in collaborazione con Comune di Padova e Comune Di Parma con il sostegno di MiBACT e SIAE, nell’ambito del programma #PerChiCrea.

Scopri di più:
www.mufoco.org/call-residenze-di-fotografia